francoscorrano wfc italia

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Dirty Boxing - Panantukan

DIRTY BOXING PANANTUKAN
 
 
 
 
 

Da Wikipedia, enciclopedia libera


SUNTUKAN

Suntukan è la componente sorprendente legata al pugno delle arti marziali filippine . (Il termine "suntukan", tuttavia, è più comunemente conosciuto nelle Filippine per indicare semplicemente punzonatura o pugilato). Nella regione centrale delle Filippine , Visayas , è conosciuta come Pangamot o Pakamot . È anche conosciuto come Mano-mano e viene spesso indicato nei circoli di arti marziali occidentali del lignaggio Inosanto come Panantukan . Anche se è chiamato Boxing filippino , questo articolo riguarda l' arte marziale filippina e non dovrebbe essere confuso con lo sport del pugilato occidentale praticato nelle Filippine .


ETIMOLOGIA
Il termine suntukan deriva dalla parola tagalog per punch , suntok . È il termine filippino per una rissa o una rissa e per pugni o pugilato . Panununtukan significa "l'arte della rissa".
I termini visayan pangamot e pakamot ("uso delle mani") provengono dalla parola Cebuano per mano, kamot . A causa delle stranezze della pronuncia della lingua di Cebuano , sono anche pronunciate nativamente come pangamut e pakamut , quindi la variazione di ortografia attraverso la letteratura.
Mano-mano deriva dalla parola spagnola "mano", mano , e può tradursi in "due mani" o "corpo a corpo". La frase " Mano-mano na lang, o? " ("Perché non sistemiamo questo con i pugni?") È spesso usata per porre fine agli argomenti quando gli animi si sono intensificati nella società maschile filippina.
Panantukan (spesso erroneamente definito panantuken dai praticanti statunitensi a causa del modo in cui gli americani pronunciano le lettere U e A ) è una contrazione del termine pananantukan di Tagalog, secondo Dan Inosanto . Viene generalmente attribuito alle mani vuote e al sistema di pugilato infuso dai pionieri delle FMA Juan "Johnny" Lacoste, Leodoro "Lucky" Lucaylucay e Floro Villabrille nella componente di arti marziali filippine dell'Accademia Inosanto e combattimento Jeet Kune Do sistemi sviluppati nella costa occidentale degli Stati Uniti . Pananantukan, che Inosanto raccolse dai suoi istruttori di Visayan per gli anziani, è una corruzione di panununtukan . Mentre il tagalog dei suoi istruttori non era perfetto (Lacoste era Waray e la lingua filippina basata su Tagalog era relativamente nuova quando emigrarono negli Stati Uniti), erano molto versati nelle arti marziali filippine. Si dice che originariamente, Lucaylucay volesse chiamare la sua arte Suntukan , ma era preoccupato che sarebbe stato confuso con il Karate Shotokan , quindi usò invece il termine Panantukan . I termini panantukan e il suo componente pananjakman (per l'aspetto da calciare - probabilmente una corruzione di panadiyakan o pananadiyakan ) sono virtualmente sconosciuti nelle Filippine e sono usati di più nei sistemi occidentali di Kali / Eskrima di origine filippina-americana .
La boxe sporca è un termine occidentalizzato contemporaneo usato da alcuni istruttori per descrivere suntukan . Il termine è anche ampiamente usato in MMA per il combattimento di clinch , in particolare per la perforazione in clinch.
Suntukan non è uno sport , ma piuttosto un sistema di combattimento orientato alla strada. Le tecniche non sono state adattate per la sicurezza o la conformità a un insieme di regole per la competizione, quindi ha una reputazione come "sporco combattimento di strada ". Consiste in tecniche di percussione della parte superiore del corpo come pugni , gomiti , testate , colpi alla spalla e distruzione degli arti. Viene spesso usato in combinazione con il Sikaran , l'aspetto da calcio del combattimento filippino che include calci a bassa quota, inciampi e attacchi alle ginocchia alle gambe, agli stinchi e all'inguine. Obiettivi comuni includono bicipiti , tricipiti , occhi, naso, mascelle, tempie, inguine, costole, colonna vertebrale e la parte posteriore del collo.


ARMA
Anche se suntukan è progettato per consentire a un praticante disarmato di affrontare scontri armati e disarmati, integra facilmente l'uso di armi come coltelli, palmari (dulo y dulo) e rompighiaccio . Queste armi possono rendere fatali le tecniche di suntukan, ma non cambiano fondamentalmente il modo in cui vengono eseguite le tecniche. Le armi in suntukan tendono ad essere piccole, facilmente nascoste e non invadenti. Quindi, suntukan minimizza il contatto con l'avversario perché non è sempre noto se un avversario è armato, e i coltelli sono molto spesso usati in combattimenti e risse nelle Filippine . Come tali, le parate e le deviazioni sono preferite su blocchi e rampini prolungati.


ARNIS
Suntukan è anche un componente chiave di Arnis . Si è teorizzato che si sia evoluto dalle armi filippine combattendo perché nella guerra, i combattimenti disarmati sono di solito un metodo di ultima istanza per quando i combattenti sono troppo vicini in prossimità (come la cattura e il campo di presa ) o hanno perso le loro armi. A parte questo, alcune tecniche e movimenti disarmati in certi sistemi di Eskrima derivano direttamente dalle loro stesse forme basate sull'arma. In alcuni sistemi classici di Eskrima, i termini Mano mano, De Cadena (in spagnolo per "della catena") e Cadena de Mano (in spagnolo per "catena della mano") sono i nomi delle loro componenti della mano vuota. A parte la punzonatura, i componenti suntukan di Eskrima includono calci, chiusure, lanci e dumog (grappling).

NEL PUGILATO OCCIDENTALE

Un certo numero di campioni di boxe filippini hanno praticato eskrima e panantukan. Mentre molti campioni filippini come Estaneslao "Tanny" del Campo e Buenaventura "Kid Bentura" Lucaylucay (il padre di Lucky Lucaylucay) praticavano il pugilato olimpico e sportivo, usavano anche il pangamotto boxing strada sporca che è distinta dalla boxe occidentale. Un tratto particolare del pugilato filippino (al contrario del pugilato occidentale) è che invece di stare in piedi e scambiare colpi con un avversario, i praticanti di suntukan in genere girano costantemente per evitare di essere colpiti e cercare aperture, proprio come con il combattimento con i coltelli . Secondo Lucky Lucaylucay: " ... se la tua pratica è basata sul combattimento con i coltelli, devi diventare molto più sofisticato con i tuoi passi, evasioni e parto perché una mossa sbagliata potrebbe significare la morte ... ... la boxe filippina è esattamente come combattimento con i coltelli , tranne che tagliare con una lama, colpiamo con un pugno chiuso" Il campione del mondo Ceferino Garcia (considerato aver introdotto il bolo punch nel mondo occidentale del pugilato) ha brandito un coltello da bolo in gioventù e ha sviluppato il suo punch dalla sua esperienza nel tagliare la canna da zucchero nei campi agricoli con lo strumento a lame, e il suo tempo come combattente di strada. Il leggendario campione del mondo Gabriel "Flash" Elorde ha studiato Balintawak Eskrima (sotto il fondatore Venancio "Anciong" Bacon) e ha ottenuto il suo innovativo, intricato gioco di gambe da suo padre, "Tatang" Elorde chi era il campione di Eskrima di Cebu . Il gioco di Elorde da Eskrima è stato adottato da molti pugili, incluso il suo amico Muhammad Ali .

VELOCITA' - FLUSSO - RITMO

Suntukan sottolinea la velocità nel colpire, con l'intento di travolgere l'avversario con una raffica di attacchi. Combinazioni indefinite di diversi scioperi vengono continuamente messe insieme per rendere la difesa di successo un'impossibilità relativa. Si dice che molti attacchi in suntukan siano eseguiti su "mezzi colpi", o tra i colpi più importanti di una combinazione, in modo da disorientare e sopraffare un avversario, aumentando l'opportunità di attacchi più devastanti. Un esempio di questo potrebbe essere eseguire uno schiaffo o un colpo d'occhio rapido dopo aver lanciato un jab con la stessa mano in una combinazione di jab-cross-hook standard; l'attacco oculare interrompe la difesa e maschera la croce in entrata. A volte, calci bassi sono spesso eseguiti tra le combinazioni di pugilato per ferire ulteriormente e disorientare l'avversario

ANGOLI

Gli angoli delineati in eskrima sono incorporati per eludere e parare gli attacchi in arrivo e attaccare l'avversario da un angolo esterno dove sono meno in grado di difendersi. Il passaggio costante del piombo di combattimento consente lo sfruttamento dell'attacco mantenendo il flusso. Il combattente utilizzerà spesso un colpo finale o kick in una combinazione per passare al nuovo vantaggio. Il footwork è della massima importanza per queste tecniche, quindi in alcuni sistemi viene investito molto tempo nella pratica di esercitazioni e combinazioni di stick-fighting

GUNTING
Alcune mosse che immobilizzano gli arti sono chiamate tecniche di gunting (forbici) a causa dei movimenti a forbice usati per fermare l'arto di un avversario da un lato mentre attaccano dall'altro lato. Suntukan si concentra sul contrastare il colpo dell'avversario con una tecnica che annullerà ulteriori attacchi colpendo determinati punti nervosi, ossa e tessuto muscolare per causare una paralisi parziale immediata dell'arto attaccante. Le distruzioni comuni degli arti includono la guida di pugni dritti in arrivo nel gomito del combattente difensore ( siko ) per frantumare le nocche, [30] o colpire l'arto entrante nei bicipiti per inibire la capacità dell'avversario di usare quel braccio per il resto del combattimento. Gunting si concentra sulla distruzione della capacità dell'avversario di brandire la propria arma. Questo termine deriva dalla parola "forbici" in filippino , malese e indonesiano . Nelle arti marziali filippine, lo scrutinio può essere fatto tagliando la mano o il polso con un paio di lame (da cui il nome), ma può anche essere fatto con una singola lama o con la mano vuota colpendo i nervi e i muscoli tesi.

DUMOG

Anche Suntukan prende in prestito le mosse da dumog (wrestling verticale). Dumog si basa sul concetto di "punti di controllo" o "punti di strozzatura" sul corpo umano, che vengono manipolati - ad esempio: afferrando, spingendo, tirando - allo scopo di distruggere l'equilibrio dell'avversario e mantenerlo fuori equilibrio. Ciò crea anche opportunità per colpi ravvicinati con calci di testa, ginocchia, avambracci e gomiti. Ciò è ottenuto mediante l'uso di strappi di braccio, spintoni, spallamenti della spalla e altre tecniche di bilanciamento in combinazione con pugni e calci. Ad esempio, il braccio dell'attaccante potrebbe essere afferrato e tirato verso il basso per esporre la testa a un attacco al ginocchio.


Torna ai contenuti | Torna al menu